Gli integratori possono causare danni al fegato

Integratori e supplementi a base di erbe sono, dopo i farmaci antinfiammatori non steroidei, la seconda causa di danno epatico. Il problema è legato alle sostanze davvero presenti in questi prodotti a base di erbe, e al dosaggio”.

Ad affermarlo all’AdnKronos Salute è Antonio Craxì, gastroenterologo dell’Università di Palermo, a margine dell’International Liver Congress in corso a Vienna.

“Si tratta di prodotti poco controllati, anche per quanto riguarda l’origine degli ingredienti. Alcuni studi hanno mostrato che possono essere presenti sostante attive non indicate in etichetta. Si pensa di prendere un prodotto naturale, senza sapere cosa si sta assumendo davvero, o sottovalutando il rischio di interazioni”, conclude.

Gli integratori e rimedi verdi più pericolosi sarebbero quelli commercializzati come prodotti per promuovere la perdita di peso, la disintossicazione, per migliorare le prestazioni sessuali nonché energizzanti e multivitaminici.

Prima di assumere un integratore è buona regola rivolgersi a personale sanitario competente. Inoltre, sarebbe meglio evitare gli acquisti online, se non da aziende note che commercializzano i propri prodotti anche attraverso i canali tradizionali o l’e-commerce farmaceutico autorizzato dal ministero della Salute.

CORRELATI