Degenerazione maculare. Rischio di aumento della pressione intraoculare con Eylea soluzione per iniezione intravitreale

L’Agenzia Italiana del Farmaco ha reso disponibili informazioni importanti su Eylea 40 mg/mL (aflibercept soluzione per iniezione intravitreale), relative al rischio più elevato di aumento della pressione intraoculare con la presentazione in siringa preriempita.

Sono stati riportati casi di aumento della pressione intraoculare con maggior frequenza (aumento stimato in circa sette volte) quando viene usata la siringa preriempita di Eylea, rispetto alla somministrazione della soluzione iniettabile di Eylea in fiala con la siringa Luer-lock.

Si sospetta che una manipolazione non corretta durante la preparazione e l’iniezione sia la causa più probabile dei casi osservati di aumento della pressione intraoculare con la siringa preriempita di Eylea.

Le iniezioni devono essere eseguite da Operatori Sanitari che abbiano familiarità con la manipolazione di questa presentazione, avverte l’Aifa.

Il corretto utilizzo della siringa preriempita e la formazione sono fondamentali per mitigare questo rischio: utilizzare un ago da iniezione 30G x ½ pollici; controllare sempre che l’eccesso di volume/bolle d’aria nella siringa preriempita venga eliminato prima dell’uso: la base della punta arrotondata dello stantuffo (non l’apice) dev’essere allineata con la linea nera di misurazione sulla siringa; premere accuratamente l’asta dello stantuffo; somministrare l’esatta dose raccomandata e non iniettare ulteriore volume residuo, poiché un aumento del volume d’iniezione può portare ad un aumento clinicamente rilevante della pressione intraoculare.

Valutare il visus del paziente e controllare la pressione intraoculare immediatamente dopo l’iniezione intravitreale.

Eylea nella siringa preriempita è indicato negli adulti per il trattamento della degenerazione maculare neovascolare correlata all’età; compromissione della vista dovuta a edema maculare secondario a occlusione venosa retinica; compromissione della vista dovuta a edema maculare diabetico; compromissione della vista dovuta a neo-vascolarizzazione coroideale miopica.

CORRELATI