"I cambiamenti del mercato non saranno repentini, pertanto c'è tempo per organizzare strategicamente nuove soluzioni per essere competitivi. Le farmacie non devono restare ferme e dovranno investire in un settore in crescita come quello della salute, distinguendo il business professionale da quello di tipo commerciale". Intervista a Sandro Castaldo, docente di Economia e Gestione delle Imprese all'Università Bocconi.

©Redazione

Letto 1250 volte
Vota questo articolo
(2 Voti)

Articoli correlati (da tag)

  • Ddl concorrenza: se gestito può portare dei benefici

    L'aggregazione del retail farà perdere il proprio ruolo ai grossisti perché le reti di farmacie realizzeranno i propri centri di logistica. Progressivamente vedremo una concentrazione dei centri intermedi per rimanere sul mercato ma anche una progressiva sostituzione di questi ultimi con i CE.DI. Il Ddl concorrenza rappresenta sicuramente una minaccia ma se gestito può portare sicuramente dei benefici". Parla la professoressa Erika Mallarini, docente di Public Management all'Università Bocconi.

    ©Redazione

  • Innovare e fare rete. La ricetta per non soccombere al capitale

    "I cambiamenti in atto non consentono più di pensare ad un modello tradizionale di farmacia, è opportuno attrezzarsi e innovare. La rete rappresenta un' importante opportunità per le farmacie, può valorizzare i professionisti della salute ma è opportuno cambiare approccio e abbandonare quel senso di sfiducia che ne rallenta la piena attuazione". Parla Erika Mallarini, docente di Public Management presso l'Università Bocconi di Milano.

    ©Redazione 

federfarma     utifar      fenagifar    federfarmaservizi    pon1


coofarma bn1

unisalento         avis