"I cambiamenti del mercato non saranno repentini, pertanto c'è tempo per organizzare strategicamente nuove soluzioni per essere competitivi. Le farmacie non devono restare ferme e dovranno investire in un settore in crescita come quello della salute, distinguendo il business professionale da quello di tipo commerciale". Intervista a Sandro Castaldo, docente di Economia e Gestione delle Imprese all'Università Bocconi.

©Redazione

Letto 1542 volte
Vota questo articolo
(2 Voti)

Articoli correlati (da tag)

  • Ddl Concorrenza: solo artifici per confondere la gente rispetto al vero obiettivo

    Per una vita hanno censurato i farmacisti considerati i detentori di privilegi feudali. Adesso il teatrino è ben chiaro,si voleva, attraverso questi artifici, confondere la gente rispetto al vero obiettivo, cioè consegnare la farmacia italiana ad un oligopolio che tenta di acquisire il controllo della dispensazione del farmaco.

    ©Redazione 

  • Federfarma. Rete di protezione per fronteggiare la legge sulla Concorrenza



    Durante il convegno "I più e i meno della legge 124/2017 (ex disegno di legge sulla Concorrenza) e come continuare a vivere in un sistema farmacia in continuo cambiamento" organizzato lunedì scorso a Pisa da Laboratorio Farmacia e Studio Franco Falorni, il tesoriere nazionale di Federfarma, Roberto Tobia, ha fatto il punto sulla strategia con cui il sindacato titolari si sta muovendo.

    ©Redazione

  • Catania. Al via la Settima edizione di PharmEvolution

    La settima edizione di PharmEvolution si preannuncia interessante e con una notevole affluenza. La tre giorni catanese vedrà la presenza del noto oncologo ed esperto di corretta alimentazione Franco Berrino, ma anche quella del famoso visagista Diego Dalla Palma. Non mancheranno inoltre i momenti dedicati alla formazione con crediti Ecm e l'approfondimento di tematiche attuali come il Ddl concorrenza.

    ©Redazione 

  • Ddl concorrenza. Cosa cambierà nella distribuzione intermedia del farmaco?

    "La nascita di catene comporterà il sorgere di nuovi centri di distribuzione del farmaco. Questo nuovo assetto toglierà fette di mercato agli attuali attori del nostro mercato." Intervista al presidente di Federfarma Servizi Antonello Mirone.

    ©Redazione

  • Ddl concorrenza: se gestito può portare dei benefici

    L'aggregazione del retail farà perdere il proprio ruolo ai grossisti perché le reti di farmacie realizzeranno i propri centri di logistica. Progressivamente vedremo una concentrazione dei centri intermedi per rimanere sul mercato ma anche una progressiva sostituzione di questi ultimi con i CE.DI. Il Ddl concorrenza rappresenta sicuramente una minaccia ma se gestito può portare sicuramente dei benefici". Parla la professoressa Erika Mallarini, docente di Public Management all'Università Bocconi.

    ©Redazione

  • Innovare e fare rete. La ricetta per non soccombere al capitale

    "I cambiamenti in atto non consentono più di pensare ad un modello tradizionale di farmacia, è opportuno attrezzarsi e innovare. La rete rappresenta un' importante opportunità per le farmacie, può valorizzare i professionisti della salute ma è opportuno cambiare approccio e abbandonare quel senso di sfiducia che ne rallenta la piena attuazione". Parla Erika Mallarini, docente di Public Management presso l'Università Bocconi di Milano.

    ©Redazione 

  • Cini: "Il testo consegna le farmacie al capitale"

    Lo scorso 29 giugno, con 218 voti favorevoli e 124 contrari, è stato approvato alla Camera dei deputati il ddl concorrenza. In un post sui social il professore di Tecnologia e Legislazione Farmaceutiche dell'Università di Bologna, Maurizio Cini, ha dichiarato che il testo consegna al capitale la proprietà delle farmacie.

    ©Redazione 

  • Ddl concorrenza: parla il presidente di Federfarma Marco Cossolo

    "C'è un pericolo di concentrazione di farmacie da parte delle società di capitali, quindi di omogeneità del servizio farmaceutico sul territorio. Le aggregazioni di farmacie possono rappresentare una risposta e rappresentano un nuovo modello di posizionamento in grado di massimizzare i vantaggi per il singolo farmacista".

    ©Redazione 

federfarma     utifar      fenagifar    federfarmaservizi    pon1


coofarma bn1

unisalento         avis