L'aggregazione del retail farà perdere il proprio ruolo ai grossisti perché le reti di farmacie realizzeranno i propri centri di logistica. Progressivamente vedremo una concentrazione dei centri intermedi per rimanere sul mercato ma anche una progressiva sostituzione di questi ultimi con i CE.DI. Il Ddl concorrenza rappresenta sicuramente una minaccia ma se gestito può portare sicuramente dei benefici". Parla la professoressa Erika Mallarini, docente di Public Management all'Università Bocconi.

©Redazione

Letto 1604 volte
Vota questo articolo
(1 Vota)

Articoli correlati (da tag)

  • Croce, Enpaf: sempre aperti a revisioni e ammodernamenti del sistema

    Nei giorni scorsi la stampa di settore ha dato spazio alle dichiarazioni di Fenagifar, del segretario della Fofi Maurizio Pace e a quelle del presidente di Federfarma Marco Cossolo, rispetto ad una riforma del sistema previdenziale dei farmacisti. Abbiamo sentito il presidente dell'Enpaf Emilio Croce che ha risposto alle sette proposte avanzate dai giovani farmacisti.

    ©Redazione 

  • Federfarma si prepara agli Stati Generali della Farmacia

    Il prossimo 26 febbraio si terranno a Roma gli Stati Generali della Farmacia in un incontro dal titolo "Il futuro della farmacia italiana - Scenari, obiettivi, soluzioni: i partiti a confronto". Un momento di confronto e discussione con la parte politica in vista delle elezioni del 4 marzo, il cui risultato avrà un impatto rilevante sull'assetto del sistema sanitario nazionale e del servizio farmaceutico.

    ©Redazione 

  • Consiglio di Stato. Cini: Un parere inutile, auspico che intervenga il legislatore

    A seguito del parere del Consiglio di Stato sui quesiti del ministero della Salute sull'applicazione della norma, abbiamo sentito Maurizio Cini, docente di Tecnologia e Legislazione Farmaceutiche all'Università di Bologna. "Questo parere tanto atteso, non sembra risolvere i dubbi. Fra tutti quello relativo alle incompatibilità".

    ©Redazione

  • Falorni: Non si può parlare di cambiamento se continuiamo a fare le cose che facevamo prima

    "C'è bisogno di un cambiamento attitudinale nella gestione della crisi. Non si può parlare di cambiamento se continuiamo a fare le cose che facevamo prima". Riproponiamo un estratto dell'intervista al professor Franco Falorni che esorta la categoria ad un cambio radicale di direzione.

    ©Redazione 

  • Nuove regole nel mercato del farmaco. In Cina maggiore velocità di cambiamento

    L'ingresso del capitale ha un po' cambiato le regole del gioco nel mondo della farmacia italiana, pertanto per poterle stravolgere è opportuno conoscerle. Ne abbiamo parlato con la professoressa Erika Mallarini reduce da un'interessante ricerca sul mercato della farmacia in Cina.

    ©Redazione 

  • Promofarma e Credifarma supporto indispensabile per Sistema Farmacia

    "Le società satellite di Federfarma, Promofarma e Credifarma, saranno indispensabili per la corretta riuscita del progetto Sistema Farmacia. Credifarma per un supporto di carattere finanziario, Promofarma per tutto ciò che attiene la raccolta, gestione e sviluppo dei dati. Sono le parole di Nicola Stabile, presidente di Promofarma che parla inoltre dell'esperienza più che positiva dello screening sul diabete in farmacia".

    ©Redazione 

  • Mirone: La nuova dirigenza di Federfarma ha una marcia in più

    Gli appelli rivolti più volte alla passata gestione di Federfarma, rispetto alla necessità di collaborare a seguito dell'ingresso del Capitale, sono caduti nel vuoto. Il presidente di Federfarma Servizi Antonello Mirone, parla inoltre del dato anomalo inerente lo scarso numero di farmacie campane che aderiscono al modello cooperativistico.

    ©Redazione 

  • La farmacia italiana fa sistema. A PharmExpo presentato il nuovo progetto

    Oggi le farmacie italiane si confrontano con diversi stakeholders come il Ssn, le ASL, le Assicurazioni Etc., ma non sono un sistema. L'idea è creare un sistema a "geometrie variabili", ovvero dei gruppi e dei sottogruppi di farmacie che aderiscono ad una determinata iniziativa, in funzione delle proprie caratteristiche.

    ©Redazione 

  • EMA. Mallarini: persi 1,7 miliardi l'anno ma in Italia c'è maggiore consapevolezza rispetto alla farmaceutica

    La proposta avanzata dall'Italia era estremamente competitiva ed il settore farmaceutico ha una serie di vantaggi rispetto a quelli degli altri Paesi, quindi l'aspettativa era alta ed è comprensibile la delusione. Abbiamo uno dei sistemi Sanitari fra i più efficienti, non solo d'Europa, anche dal punto di vista qualitativo. Forse ha pesato la burocrazia italiana e la percezione che, soprattutto alcuni Paesi, hanno nei confronti dell'Italia.

    ©Redazione 

  • Farmaci: Tracciabilità, carenza e controllo. Intervista al presidente Mirone

    Il problema legato alla carenza di alcuni farmaci nelle farmacie italiane, con riferimento all'assenza dell'antitetanica, dopo l'allarme lanciato da Striscia La Notizia. Antonello Mirone ha parlato anche del caso di Catanzaro, quindi della tracciabilità del farmaco nel passaggio farmacia-parafarmacia.

    ©Redazione 

federfarma     utifar      fenagifar    federfarmaservizi    pon1


coofarma bn1

unisalento         avis