Lo scorso 29 giugno, con 218 voti favorevoli e 124 contrari, è stato approvato alla Camera dei deputati il ddl concorrenza. In un post sui social il professore di Tecnologia e Legislazione Farmaceutiche dell'Università di Bologna, Maurizio Cini, ha dichiarato che il testo consegna al capitale la proprietà delle farmacie.

©Redazione 

Letto 687 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

Articoli correlati (da tag)

  • Innovare e fare rete. La ricetta per non soccombere al capitale

    "I cambiamenti in atto non consentono più di pensare ad un modello tradizionale di farmacia, è opportuno attrezzarsi e innovare. La rete rappresenta un' importante opportunità per le farmacie, può valorizzare i professionisti della salute ma è opportuno cambiare approccio e abbandonare quel senso di sfiducia che ne rallenta la piena attuazione". Parla Erika Mallarini, docente di Public Management presso l'Università Bocconi di Milano.

    ©Redazione 

  • Ddl concorrenza: parla il presidente di Federfarma Marco Cossolo

    "C'è un pericolo di concentrazione di farmacie da parte delle società di capitali, quindi di omogeneità del servizio farmaceutico sul territorio. Le aggregazioni di farmacie possono rappresentare una risposta e rappresentano un nuovo modello di posizionamento in grado di massimizzare i vantaggi per il singolo farmacista".

    ©Redazione 

federfarma     utifar      fenagifar    federfarmaservizi    pon1


coofarma bn1

unisalento         avis