Pin It

aderenza alla terapiaFederfarma e Fofi illustreranno oggi alla Commissione Salute della Conferenza delle Regioni il "progetto Adere". Si tratta del progetto di pharmaceutical care finalizzato all'aderenza terapeutica avviato dalla Asl Toscana Sud Est, diretta da Enrico Desideri, con la partecipazione di Assofarm, Federfarma e Fofi. L'obiettivo dell'iniziativa è quello di integrare farmacie, medici di famiglia e infermieri in una rete multidisciplinare votata alla continuità della presa in carico e al monitoraggio delle terapie. Inoltre, la speranza di tutti gli attori è che il programma possa beneficiare dei fondi stanziati dalla Legge di Bilancio per la sperimentazione della farmacia dei servizi, che nel triennio 2018-2020 coinvolgerà nove Regioni.

Federfarma e Fofi stanno pensando di definire una griglia di requisiti che consentiranno ad altre Regioni di replicare la sperimentazione sul proprio territorio

Perché questo accada, tuttavia, è necessario modificare lo schema di decreto per inserire la Toscana al posto di una delle nove Regioni individuate. Potrebbero farlo i governatori, dato che il testo deve ottenere il via libera della Conferenza Stato-Regioni, ma per fare posto alla Toscana qualcuno tra i nove dovrebbe rinunciare, impresa non facile dato che significherebbe rinunciare a un finanziamento di almeno due milioni di euro. Secondo quanto riferisce il giornale F- Press, Fofi e Federfarma starebbero per giocare anche un'altra carta "per accrescere le chance di successo". Insieme agli altri partner coinvolti nel Progetto Adere, starebbero infatti pensando – scrive F-Press – "a definire una griglia di requisiti che consentiranno ad altre Regioni di replicare la sperimentazione sul proprio territorio". Un tale allargamento, prosegue il giornale, "secondo alcune fonti, dovrebbe accrescere l'interesse dei governatori perché il Progetto Adere parta già da quest'anno". Oggi, "le due Federazioni dovrebbero mettere a punto contenuti e proposte da portare alle Regioni, poi toccherà agli assessori alla Salute decidere". 

©Redazione

federfarma     utifar      fenagifar    federfarmaservizi    pon1


unisalento         avis