Pin It

integratoriDopo qualche anno di previsioni negative, l'economia italiana registra per il 2018 il segno positivo, con una crescita del PIL prevista al +1,5% (Fonte Istat). Un settore in ottima salute è quello degli integratori alimentari, la cui crescita si mantiene rilevante: nel solo canale farmacia il fatturato a MAT 2018 è stato di oltre 2,55 miliardi di euro (prezzo al pubblico), con una crescita del 4,9% rispetto ai 12 mesi precedenti (MAT 2017), e circa 162 milioni di pezzi venduti, poco oltre il 3% in più rispetto a MAT 2017 (dati New Line Ricerche di Mercato).

Il codice deontologico per comunicare correttamente i benefici degli integratori

A fronte di un mercato così dinamico, Integratori Italia si è voluta dotare di un Codice Deontologico, una "bussola" di condotta coerente con l'impegno associativo di comunicare in modo corretto ed equilibrato le qualità e i benefici dell'integratore, per favorire la corretta competizione sul mercato e scelte sempre più consapevoli e responsabili del consumatore. Alessandro Golinelli, Presidente di Integratori Italia, sottolinea che: "La recente adozione del Codice Deontologico da parte di Integratori Italia rappresenta uno dei principali strumenti della responsabilità sociale delle imprese per la promozione di buone pratiche di comportamento; è stato costruito e approvato alla fine del 2017 attraverso una modalità partecipativa, coinvolgendo le aziende associate per definire criteri di condotta il più possibile condivisi all'interno dell'Associazione". Uno strumento fondamentale per regolamentare i rapporti su un piano etico e deontologico tra le aziende aderenti e tra queste e i consumatori, il mondo scientifico e sanitario, le onlus di settore, le associazioni dei pazienti e le imprese concorrenti. 

©Redazione

federfarma     utifar      fenagifar    federfarmaservizi    pon1


unisalento         avis