Pin It

promemoria cartaceoFederfarma ha diramato ieri una circolare in cui invita le proprie rappresentanze provinciali e regionali a contrastare con le misure più opportune tutti i progetti che le Regioni dovessero mettere in campo per superare il promemoria cartaceo, fatta ovviamente eccezione per le sperimentazioni già approvate. Il documento è stato elaborato sulla base delle linee politico-sindacali espresse nei giorni scorsi dal Consiglio delle Regioni e fatte proprie dal Consiglio di presidenza. "È giusto che i pazienti possano beneficiare di tutte le agevolazioni generate dall'innovazione digitale – si legge nella circolare - ma vanno evitate sfaldature nel rapporto personale e diretto tra assistito e farmacista in farmacia".

"Il promemoria cartaceo ha una valenza sanitaria perché ricorda agli assistiti quando recarsi in farmacia per ritirare i farmaci prescritti"

In alcuni casi, continua la circolare, "le soluzioni adottate da alcune Regioni per eliminare il promemoria cartaceo con l'obiettivo di ridurre alcuni costi amministrativi, rischiano di diversificare le modalità di accesso al servizio farmaceutico e non mettono le farmacie nelle condizioni di operare al meglio. Non va poi dimenticato che tale documento possiede un'importante valenza sanitaria, perché ricorda agli assistiti - e in particolare agli anziani, magari in multiterapia - quando recarsi in farmacia per ritirare i farmaci prescritti. In particolare, in caso di indisponibilità dei dati per mancato funzionamento del sistema o per carenza di connessione alla rete internet, il promemoria cartaceo diventa l'unica certificazione che consente al farmacista di dispensare i farmaci prescritti. Inoltre, è documento utile ai fini del controllo contabile» e viene utilizzato «per apporre i fustelli dei farmaci consegnati, come previsto dal dpr 371/1998".

Ancora, secondo Federfarma, "le iniziative regionali dirette a eliminare il promemoria non appaiono propriamente conformi alle norme impartite dal decreto ministeriale 2 novembre 2011, che impone ai medici di stampare e consegnare il documento all'assistito, il quale a sua volta è tenuto a presentarlo in farmacia. Anche il dpcm 14 novembre 2015, che ha esteso all'intero territorio nazionale la validità della ricetta dematerializzata, ribadisce l'indispensabilità del promemoria cartaceo per spedire le ricette". "La rilevanza della questione - conclude la circolare - è tale che Federfarma provvederà a portarla anche al tavolo della Sisac per il rinnovo della convenzione nazionale, ossia il luogo più opportuno nel quale discutere di cambiamenti del sistema prescrittivo a carico del Servizio sanitario nazionale. Il nuovo contratto, in particolare, dovrà prevedere una serie di garanzie affinché i futuri processi di digitalizzazione non precludano l'effettività della tutela della salute del paziente e prevedano una serie di garanzie volte a tutelare l'operatività della farmacia". 

©Redazione

federfarma     utifar      fenagifar    federfarmaservizi    pon1


coofarma bn1

unisalento         avis