Pin It

tessera sanitariaSiglato l'accordo di collaborazione, della durata di tre anni, tra Regione Toscana, Federfarma e Cispel che affida alle farmacie un pacchetto di servizi front-office come Cup, pagamento ticket e attivazione della tessera sanitaria. Per la realizzazione del progetto, la Regione Toscana ha destinato la cifra di 6 milioni per i tre anni che serviranno a retribuire le farmacie per i servizi erogati: 1,70 euro (più iva) per ogni prenotazione Cup, 1,50 euro per ogni "ri-prenotazione" successiva a una disdetta e 1,80 euro per l'attivazione della tessera sanitaria (compresa eventuale apertura del Fascicolo sanitario elettronico). Inoltre, è previsto un compenso di 1,50 euro per il pagamento del ticket, che però è a carico dell'assistito.

 

"Si tratta di un accordo molto importante che accresce e struttura il ruolo socio-sanitario della farmacia sul territorio"

In Toscana le farmacie sono in tutto 1.200: 1.000 le private, 200 le pubbliche. Per ora hanno aderito all'accordo circa 900 farmacie. "Le farmacie svolgono un ruolo importante nella sanità toscana – ha dichiarato l'assessore alla Sanità, Stefania Saccardi - non solo per l'erogazione dei farmaci, ma come punto di riferimento per i cittadini per tutta una serie di servizi. Il sistema regionale delle farmacie è un partner sempre più importante della sanità pubblica. Questo accordo le coinvolge anche per servizi fondamentali come le prenotazioni Cup, il pagamento del ticket, l'attivazione della carta sanitaria elettronica. Questi servizi, che finora venivano svolti solo da una parte delle farmacie, vengono ora portati a sistema, per andare sempre più incontro alle esigenze dei cittadini e semplificare il loro accesso ai servizi sanitari. Presto - ha aggiunto l'assessore - porteremo in giunta un provvedimento per sostenere le farmacie in zone disagiate. Saranno 400.000 euro invece dei 300.000 previsti. La presenza di una farmacia è un presidio della sanità pubblica nei luoghi più lontani e difficili".

"Le farmacie private della Toscana - ha sottolineato Marco Nocentini Mungai, presidente di Federfarma Toscana – esprimono grande soddisfazione per la decisione dell'assessore Saccardi di rinnovare per tre anni l'accordo per i servizi amministrativi in farmacia. Si tratta di un accordo molto importante che accresce e struttura il ruolo socio-sanitario della farmacia sul territorio. L'elevato numero di farmacie aderenti, conferma la volontà della categoria di essere sempre più parte integrante del sistema sanitario e di avvicinare i cittadini ai servizi sanitari semplificandone la fruizione, mediante l'elevato numero di punti di accesso". Tutte le farmacie che applicano l'accordo devono esporre al pubblico le locandine "PuntoSI" approntate dalla Regione per identificare gli sportelli territoriali del Servizio sanitario toscano. 

©Redazione

federfarma     utifar      fenagifar    federfarmaservizi    pon1


coofarma bn1

unisalento         avis