silvestro scottiDopo la vicenda Enpam Sicura e le dimissioni di giacomo Milillo, Silvestro Scotti, past president dell'ordine dei medici di Napoli, è stato eletto nei giorni scorsi segretario nazionale della Fimmg, il sindacato di categoria dei medici di famiglia, dove finora aveva ricoperto il ruolo di vicesegretario nazionale vicario.

Puntuali arrivano gli auguri di buon lavoro dagli altri rappresentanti di categoria: "Congratulazioni di buon lavoro al neo segretario della FIMMG Silvestro Scotti al quale auguro di lavorare proficuamente per la salute dei cittadini – ha dichiarato Annarosa Racca, presidente di Federfarma- per l'efficienza del servizio sanitario nazionale oltre che naturalmente a tutela dei medici di medicina generale da lui rappresentati. Le farmacie –continua Racca- sono in stretto contatto quotidiano con i medici di medicina generale e ribadiscono la disponibilità a continuare a lavorare attivamente sui temi indicati dall'intesa siglata recentemente tra Federfarma e Fimmg. Tale intesa è finalizzata alla riorganizzazione delle cure primarie incentrata su medici e farmacie e al rafforzamento dei rapporti tra le due professioni nell'ambito dell'assistenza territoriale, che è uno dei caposaldi dello sviluppo della sanità pubblica. In questa ottica –conclude il presidente di Federfarma- è anche importante procedere al tempestivo rinnovo delle rispettive Convenzioni con il SSN, affinchè esse siano coordinate tra loro e producano sinergie a vantaggio della salute collettiva, favorendo il razionale utilizzo delle risorse pubbliche. Agli auguri di Racca si aggiungono quelli del presidente di Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi. "Esprimo i più sinceri auguri di buon lavoro al nuovo segretario della Federazione dei Medici di Medicina Generale (FIMMG) Silvestro Scotti, persona di grande esperienza e competenza professionale. Sono certo che con lui e con la sua squadra continueremo a dialogare per lavorare insieme a vantaggio dei cittadini e del Servizio Sanitario Nazionale. Il medico di medicina generale ha un ruolo imprescindibile da valorizzare sempre più perché punto di riferimento fondamentale a tutela della salute."

©Redazione