Pin It

produzione cannabisLa Regione Puglia per superare l'alto costo dei farmaci a base di cannabis e per soddisfare la domanda regionale, ha sviluppato un disegno di legge che si intitola "Progetto pilota per la coltivazione, produzione e distribuzione regionale di sostanze di origine vegetale a base di cannabis per finalità terapeutiche". Il disegno potrebbe essere portato martedì 22 novembre in giunta per l'approvazione.

Il testo è composto da 7 articoli che mirano a individuare un'associazione temporanea di scopo non profit senza finalità di lucro in grado di coprire la filiera dalla coltivazione, alla produzione, alla distribuzione regionale di sostanze di origine vegetale a base di cannabis. L'associazione dovrebbe essere costituita da università, enti con comprovata competenza scientifica e associazioni no profit. La sostanza prodotta dovrebbe poi essere distribuita a un unico centro regionale individuato per la preparazione dei farmaci a base di cannabis "al fine di soddisfare il fabbisogno regionale" e, nel caso, anche quello di altre Regioni.

Nel corso del 2015, circa 300 pazienti pugliesi hanno fatto uso di 44 chili di cannabis sotto varie forme terapeutiche, provenienti da centri autorizzati dell'Olanda. Un consumo in crescita costante. Per rifornirsi, il sistema sanitario regionale ha speso diverse centinaia di migliaia di euro. Al momento la coltivazione in territorio nazionale non è consentita, se non per finalità di ricerca. Gli unici autorizzati alla distribuzione della merce olandese sono i tecnici dell'Istituto farmacologico militare di Firenze, che però si ritrovano a dover gestire una richiesta sempre più grande. Per questo ora la Regione punta a produrre da sé la materia prima oltre che a promuovere corsi di formazione per gli operatori sanitari finalizzati alla conoscenza degli impieghi terapeutici della cannabis. Inoltre, potrebbero nascere più appezzamenti per la coltivazione tra Foggia e il Salento. Per la loro realizzazione l'Ente potrebbe chiedere anche l'aiuto di esperti internazionali. 

©Redazione

federfarma     utifar      fenagifar    federfarmaservizi    pon1


coofarma bn1

unisalento         avis