nuovi farmaci 2Il Rapporto 2016 di Meridiano Sanità, elaborato da The European House , Ambrosetti, colloca il nostro Ssn agli ultimi posti in Europa, preceduto solo dalla Grecia. Fra i criteri di valutazione anche il tempo necessario all'immissione sul mercato di un medicinale. In Italia, occorre attendere 14,5 mesi, prima che un nuovo farmaco sia disponibile, dal momento dell'autorizzazione all'immissione in commercio.

In 14 Stati dell'Ue la media si ferma a 6,6 mesi, in Danimarca scende a 5, nel Regno unito a 4 e in Germania addirittura a tre mesi. Ne deriva un voto di insufficienza per il Servizio sanitario italiano, perché più tardi un farmaco diventa accessibile, maggiore è il divario nell'acceso alle terapie che separa gli assistiti del nostro Paese rispetto a quelli degli Stati vicini. Sul fronte della qualità dell'offerta sanitaria l'Italia è in linea con l'Europa, con un punteggio di 5,4 a fronte di una media Ue del 5,6. Siamo invece ai primi posti per stato di salute della popolazione, con un voto di 6,1. Mentre, il Bel Paese si colloca in fondo alla classifica per capacità di risposta ed efficienza/appropriatezza dell'offerta sanitaria, dove chiudiamo ultimi: in cima al podio si piazzano rispettivamente olandesi e svedesi. Ma per il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, la graduatoria è ingiusta: "Non siamo tra gli ultimi, non dico che tutto vada bene ma vorrei che abbandonassimo il vizio italiano di vedere l'erba del vicino sempre più verde. Si piazza davanti, per esempio, un Paese come l'Inghilterra dove i cittadini incontrano difficoltà quotidiane ad accedere ai servizi". "Secondo parametri oggettivi – ha sottolineato – siamo i primi in Ue sia in aspettativa di vita sia come possibilità di accesso dei singoli cittadini per le prestazioni di primo livello e stiamo facendo un poderoso lavoro di ristrutturazione del nostro sistema sanitario. Spero anche che passi la riforma del titolo V – ha concluso il Ministro – perché quello ci aiuterà anche a correggere alcune delle discrasie che ci sono state in questi anni".

©Redazione