Pin It

racca 2016La presidente di Federfarma, Annarosa Racca, in merito alle proposte emendative avanzate dalle Regioni sulla rimodulazione della spesa farmaceutica a favore della diretta, ha dichiarato: "Sulle disposizioni dettate dalla Manovra in tema di tetti per la spesa farmaceutica, il Governo tiri dritto e non ceda alle richieste di modifica che arrivano dal composito fronte delle Regioni".

"La Manovra del Governo – continua la presidente - ridisegna il sistema dei tetti per mettere su un piatto della bilancia la spesa farmaceutica convenzionata e sull'altro la spesa farmaceutica degli ospedali e della distribuzione diretta, che finora faceva somma con la convenzionata. Attenzione, a parte questo riassemblaggio non cambia nulla rispetto all'oggi: il tetto che viene assegnato alla spesa convenzionata, 7,96%, e quello che ricevono ospedaliera più diretta, 6,89% sono la fotografia pressoché fedele degli attuali pesi. Le controproposte delle Regioni, invece, impartirebbero una netta rottura". Secondo il numero uno di Federfarma "con i nuovi tetti diventerà evidente chi causa gli sfondamenti. Le stime dicono che a fine anno la convenzionata dovrebbe chiudere al di sotto del proprio tetto di circa 400 milioni di euro, la spesa per la distribuzione diretta invece di almeno un punto percentuale, circa mille milioni. Oggi gli avanzi della convenzionata coprono gli sforamenti della diretta, perché i due tetti sono cumulati. Ma dal prossimo anno non sarà più così. Il fatto che nel documento esaminato dalla Commissione salute si difenda la distribuzione diretta è la conferma dell'esistenza di un teorema. Per anni alcune Regioni hanno fatto passare a forza, dalla distribuzione diretta, farmaci che non avevano alcun bisogno di una dispensazione in ambiente controllato, almeno non più di quanto sia controllato l'ambiente delle farmacie del territorio. Si sono sempre addotte, più o meno apertamente, ragioni di risparmio, ma ora il no alla Manovra smentisce una volta per tutte quest'alibi: a certe Regioni importa soltanto continuare a fare più diretta possibile". "Sosterremo in tutte le sedi la Manovra così com'è stata licenziata dal Governo – conclude Racca -. Poi cercheremo di fare muro assieme a tutta la filiera. E non solo: ricordo la proposta di riforma del Pht che elaborammo assieme alla Sifo: il riordino dei tetti potrebbe essere l'occasione per rimettere sul tavolo quel progetto e dare ulteriore solidità ai ragionamenti economici dell'esecutivo".

©Redazione 

federfarma     utifar      fenagifar    federfarmaservizi    pon1


coofarma bn1

unisalento         avis