Pin It

gazzetta-ufficialeIl decreto legge 193/2016, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 24/10/2016, ha posticipato al primo aprile 2017 l'entrata in vigore delle norme sulla trasmissione telematica dei corrispettivi incassati tramite distributori automatici. Il provvedimento riformula il comma 2, articolo 2, del d.lgs 127/2015, introducendo anche un'altra importante novità: l'inclusione degli apparecchi per prestazioni di servizio, che per le farmacie significano autoanalisi, misuratori di pressione, bilance eccetera.

Inoltre, il decreto apre alla possibilità che l'Agenzia delle Entrate possa stabilire "termini differiti, rispetto al primo aprile 2017 per i proprietari di peculiari distributori automatici con specifiche variabili tecniche". Allo stesso modo, nella disposizione con cui l'Agenzia delle Entrate dovrà dettare regole e caratteristiche tecniche degli strumenti per l'invio telematico dei corrispettivi, andranno "indicate soluzioni che non incidano sull'attuale funzionamento degli apparecchi distributori e garantiscano, nel rispetto dei normali tempi di obsolescenza e rinnovo degli stessi, la sicurezza e l'inalterabilità dei dati".

Federfarma, già nei giorni scorsi ha espresso qualche perplessità sull'introduzione della nuova norma, soprattutto ha manifestato il timore che applicazioni differenziate della normativa nel settore delle farmacie possano generare squilibri inaccettabili. Proprio per questo motivo ha avviato tra gli associati una rilevazione delle apparecchiature funzionanti, allo scopo di disporre di dati certi da utilizzare in futuro. Infine, come è stato abbondantemente sottolineato in precedenza dal sindacato, i distributori automatici sono solo un fattore marginale e complementare dell'attività quotidiana della farmacia.

©Redazione

federfarma     utifar      fenagifar    federfarmaservizi    pon1


coofarma bn1

unisalento         avis