Pin It

cons farmacoÈ stato lanciato in Italia, come primo paese al mondo, il naprossene sodico 660 mg a rilascio modificato il nuovo farmaco che permette di ottenere un rapido sollievo dal dolore in soli 15 minuti, mantenendo l'effetto analgesico per 24 ore. La nuova formulazione di naprossene sodico 660 mg a rilascio modificato permette di ottenere un effetto analgesico per 24 ore con una sola somministrazione al giorno.

Il farmaco è stato studiato in più di 600 pazienti in due studi randomizzati separati, entrambi creati per valutare l'effetto antalgico a seguito di un'estrazione dentale, un modello ben caratterizzato di dolore. In entrambi gli studi, l'efficacia della nuova formulazione è stata confrontata a placebo, e in uno di questi anche con una dose equivalente di naprossene sodico a rilascio immediato, formulato in compresse da 220 mg assunte tre volte al giorno. In entrambe le ricerche, l'efficacia è stata significativamente superiore al placebo per tutti gli endpoint considerati, e in particolare la nuova formulazione ha determinato una riduzione del dolore già dopo 15 minuti dall'assunzione e per una durata di 24 ore, con una sola somministrazione, in maniera paragonabile alla formulazione a rilascio immediato, assunta però tre volte al giorno.

Le malattie osteoarticolari e il dolore che ne consegue, rappresentano un problema sanitario e sociale di crescente importanza, anche per il costante aumento delle aspettative di vita che comporta l'incremento di patologie degenerative legate all'invecchiamento. Secondo la valutazione Global Burden of Diseases, condotta nel 2013 dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, ai primi dieci posti tra le malattie che maggiormente riducono la qualità della vita, ben cinque sono condizioni primariamente caratterizzate da dolore, e il mal di schiena è in assoluto la condizione più impattante, per via della sua larghissima diffusione. Inoltre, da un'indagine quantitativa realizzata a fine 2014 da GFK Eurisko emerge che 29 milioni di Italiani soffrono di dolori muscolo-scheletrici: in particolare il mal di schiena colpisce 21 milioni di individui. I dolori articolari e l'artrosi interessano 11 milioni di persone, in particolare le donne.

©Redazione

federfarma     utifar      fenagifar    federfarmaservizi    pon1


coofarma bn1

unisalento         avis