Pin It

foto 2 farmacia ruraleLe farmacie, quelle dei piccoli paesini, dove ormai non c'è più nemmeno l'ufficio postale, da alcuni anni stanno lottando una battaglia impari ed il loro futuro appare sempre più incerto e pieno di ostacoli. Spesso si parla di vera e propria sopravvivenza. Questo uno dei temi che sono stati affrontati durante il convegno "La farmacia rurale, una scelta di vita tra difficoltà e speranza", organizzato domenica scorsa da Federfarma Salerno.

"L'obiettivo del convegno - ha dichiarato il presidente del sindacato provinciale, Dario Pandolfi - è quello di far toccare con mano, a istituzioni e autorità politiche, le difficoltà che devono affrontare le farmacie dei piccoli centri. E assieme mettere in risalto anche i problemi di tutte farmacie, perché spesso le preoccupazioni delle une sono anche le preoccupazioni delle altre". Il presidente nazionale del Sunifar, Alfredo Orlandi, durante il suo intervento, ha affermato: "la nostra vita è scandita dalle norme, che ci legano alla sede in cui lavoriamo, le nostre speranze erano legate al concorso straordinario e alla chance di vincere una farmacia appetibile. Ma ci sono state strappate da procedure che nella maggior parte delle Regioni si sono intoppate o procedono a rilento". "Dobbiamo rafforzare le farmacie per tenerle al passo con le esigenze della popolazione", è la soluzione che arriva dalla presidente nazionale di Federfarma, Annarosa Racca, "innanzitutto con il rinnovo della Convenzione, che è scaduta da 18 anni, e poi con i supporti che il sindacato ha messo in campo per agevolare l'erogazione di servizi. Si tratta di progetti rivolti anche se non soprattutto a quei presidi che non dispongono delle risorse per proporli in proprio". Inoltre, sono intervenuti all'evento: Maurizio Gasparri, vicepresidente del Senato; Sabrina Capozzoli, componente della commissione Finanze della Camera dei Deputati; Guido Milanese, componente della direzione nazionale di Area Popolare; Enrico Coscioni consulente per la Sanità del presidente della Regione Campania e Antonio Giordano, direttore generale dell'Asl Salerno. Tutti hanno manifestato la volontà di impegnarsi a sostenere le piccole farmacie e più in generale tutti i presidi farmaceutici territoriali. 

©Redazione

federfarma     utifar      fenagifar    federfarmaservizi    pon1


coofarma bn1

unisalento         avis