Pin It

distributore autom farmaciIl sindacato dei farmacisti titolari ha chiesto all'Agenzia dell'Entrate delucidazioni sul D.lgs 127/2015 che prevede, a decorrere dal 1° gennaio 2017, l'obbligo dell'invio telematico di tutte le fatture emesse e ricevute. La norma comprende anche i distributori automatici e, proprio in riferimento a quest'ultimi, Federfarma ha tenuto un incontro con l'ente pubblico.

Secondo quanto riferito dall'Agenzia dell'Entrate, l'obbligo dovrebbe valere soltanto per i distributori automatici di modello più recente, già attrezzati per questo tipo di operazioni. Per le apparecchiature più vecchie, invece, dovrebbe essere definita una tempistica meno serrata, in modo da dare ai rivenditori il tempo di effettuare adeguamenti e aggiornamenti. Il provvedimento però non riguarderebbe le farmacie, perché la lettura della norma porta a ritenere che l'obbligo ricada soltanto su "coloro che effettuano cessioni di beni attraverso l'uso esclusivo di distributori automatici". Nelle farmacie, invece, l'attività principale di vendita è espletata al banco, mentre quella assicurata dalle apparecchiature automatiche risulta del tutto marginale. Intanto, l'Agenzia delle Entrate si è impegnata a prendere in considerazione le osservazioni del sindacato, ma ha avvertito che la possibilità che le farmacie siano escluse dall'ambito di applicazione del decreto, sono molto basse. Piuttosto, l'orientamento che potrebbe affermarsi, è quello di limitare l'obbligo ai soli distributori più evoluti tecnologicamente, già attrezzati per memorizzazione e invio dei dati. Per gli altri invece tutto dovrebbe restare invariato, in attesa di indicazioni e nuove scadenze da parte dell'Agenzia delle Entrate. 

©Redazione

federfarma     utifar      fenagifar    federfarmaservizi    pon1


coofarma bn1

unisalento         avis