Pin It

PolicicchioLa Presidente di Fenagifar, Pia Policicchio, risponde all'analisi fatta dall'economista Nicola Salerno secondo cui la liberalizzazione della distribuzione del farmaco potrebbe migliorare la governance. Secondo Salerno, non esistono motivazioni economiche, giuridiche e sanitarie per impedire a un farmacista laureato e abilitato di avviare la propria farmacia esercitando la libera concorrenza con gli altri.

"Il punto di partenza del dott. Salerno - sottolinea Policicchio - è condivisibile, meglio far gestire il cambiamento della categoria piuttosto che vedercelo imporre da chi del mestiere ne ha sentito parlare e non è a contatto tutti i giorni con le necessità e le difficoltà del cittadino, come anche il fatto che gli interventi in materia sono stati continui e non organici. Sono contenta di condividere con lui – aggiunge la presidente di Fenagifa- il fatto di credere profondamente nella professione del farmacista.

Le liberalizzazioni però non c'entrano nulla con la professionalità, ma hanno a che fare con un sistema che continua ad essere mercificato, a discapito della professionalità. Gli interventi continui hanno solo dimostrato che intaccare il sistema ha prodotto anomalie, che hanno avuto riverbero solo dal punto di vista occupazionale. Sebbene, questo tipo di professione trovi maggiore occupazione nelle farmacie di comunità, non dimentichiamo che è arrivato il momento in cui il farmacista è chiamato a rivestire ruoli che sono di indubbia utilità sia per la comunità che per il Ssn. A noi professionisti deve rimanere il compito di svolgere il nostro lavoro garantendo la massima qualità dello stesso".

Infine, la Presidente, auspica che" la figura del farmacista acquisisca nuove competenze per poter svolgere al massimo le funzioni e i servizi che oggi la società richiede e che sia una stabilizzazione del sistema che porti una ricaduta sull'occupazione a tutti i livelli da permettere alla professione del farmacista di essere, oltre che un lavoro, una vocazione".

©Redazione

federfarma     utifar      fenagifar    federfarmaservizi    pon1


coofarma bn1

unisalento         avis