News dal Web

antibiotici aifaDurante l'ultimo congresso della Società Italiana di Urologia, gli esperti hanno lanciato l'allarme secondo il quale l'abuso di antibiotici dipende anche e soprattutto dall'impiego sconsiderato di questi farmaci per curare infezioni dell'apparato urinario. L'Italia, secondo i dati presentati dagli urologi, è al secondo posto in Europa per utilizzo di antibiotici con 530 milioni di dosi. Ma la colpa non è solo di quelli presi a sproposito per curare l'influenza, anzi: secondo le stime nel 40 per cento dei casi di cistite i pazienti prendono antibiotici di cui potrebbero fare a meno. Sono tantissime le situazioni in cui ci si trova a dover fare i conti con infiammazioni urologiche, nelle donne in età fertile per esempio la cistite ricorrente è uno dei problemi più comuni. Il rischio è trovarsi nel prossimo futuro in un'era post-antibiotica in cui si potrà morire per una cistoscopia, se gli antibiotici usati normalmente non saranno più efficaci.

Leggi tutto...

FDaDal 1° novembre sono attivi altri aspetti dell'accordo di mutuo riconoscimento tra l'Unione europea e gli Stati Uniti per le ispezioni dei siti produttivi di medicinali umani condotti nei rispettivi territori. L'accordo, che aggiorna il precedente del 1998, consente di riconoscere gli esiti delle ispezioni reciproche e quindi di utilizzare meglio le competenze e le risorse utilizzate in questo senso. Inoltre, l'intesa consente sia alle autorità dell'Unione europea che alla FDA di utilizzare al meglio le proprie risorse di ispezione e di concentrarsi sui siti di maggiore rischio dove vengono prodotti ingredienti farmaceutici attivi e medicinali per i mercati Ue o Stati Uniti. Circa il 40% dei medicinali finiti, commercializzati nell'Ue provengono da oltreoceano e l'80% dei produttori di ingredienti farmaceutici attivi per i medicinali disponibili nell'Ue si trovano al di fuori dell'Unione. Per rendere operativo l'accordo, l'Ue e gli Stati Uniti devono assicurare che gli ispettorati GMP su entrambi i lati dell'Oceano abbiano la capacità e le procedure corrette per vigilare sui produttori di medicinali con un equivalente livello di attenzione.

Leggi tutto...

statineSecondo i risultati dello studio Diabetes Prevention Program, guidato da Jill Crandall, dell'Albert Einstein College of Medicine di New York, l'utilizzo delle statine sarebbe associato a un aumento del rischio di sviluppare diabete tra soggetti in sovrappeso e obesi, dunque ad alto rischio della malattia. Nella nuova indagine, Crandall e colleghi hanno utilizzato i dati di 3.234 pazienti in sovrappeso e obesi per confrontare gli effetti della metfomina, del placebo e dello stile di vita nella prevenzione del diabete. All'inizio, solo il 4% dei pazienti era in terapia con le statine, una percentuale che sarebbe aumentata al 35% nei 10 anni di follow-up, il 37% dei quali era in trattamento con metformina e il 33% dei quali era nel gruppo che doveva modificare lo stile di vita. Indipendentemente dal gruppo di studio, l'utilizzo della statina sarebbe stato associato a un aumento del rischio di sviluppare diabete del 36%. Un effetto che sarebbe stato più evidente nel gruppo di pazienti che doveva modificare lo stile di vita per prevenire il diabete, mentre non sarebbe stato statisticamente significativo negli altri due gruppi.

Leggi tutto...

malattie rareDisponibile in Italia una nuova opzione di cura per la fibrosi cistica. Si tratta di una terapia mucolitica inalatoria in polvere a base di mannitolo per i pazienti affetti dalla malattia genetica rara. Inoltre, è caratterizzata da una più alta velocità di somministrazione rispetto alla terapia aerosolitica. La fibrosi cistica genera secrezioni mucose che vanno a ostruire diversi organi, soprattutto dell'apparato respiratorio e di quello digerente. I tappi di muco generati dalla malattia devono essere eliminati. O in modo spontaneo o attraverso l'aiuto di farmaci che agevolano la fluidificazione e diminuiscono le infezioni batteriche. Sono queste ultime che, in caso di persistenza, vanno a compromettere la funzione polmonare e generano insufficienza respiratoria.

Leggi tutto...

abuso faraciSecondo gli esperti riuniti al Congresso Nazionale della Società Italiana di Medicina Interna, che si è tenuto a Roma dal 27 al 29 ottobre, cinque milioni di anziani ogni anno vengono ricoverati per diverse patologie, e ogni volta che lasciano l'ospedale si ritrovano con due nuove prescrizioni di farmaci che si aggiungono a quelli che già assumono. Con il risultato che si passa da una media di cinque a ben sette medicinali da prendere ogni giorno. Così nel giro di tre mesi, a un over 65 su cinque serve un nuovo ricovero per 'eccesso di pillole', da cui esce con altri farmaci: un serpente che si mangia la coda e provoca oltre un milione e mezzo di ricoverati ogni 12 mesi. Non solo, in due milioni sperimentano ogni anno una reazione avversa da farmaci, con conseguente aumento di visite mediche e specialistiche.

Leggi tutto...

croce farmacia copiaLa presidente del Sunifar, Silvia Pagliacci, in una la lettera aperta inviata per circolare agli associati, con l'obiettivo di fare il punto sulla vicenda dell'emendamento "salva-concorsi", ha spiegato che l'emendamento al ddl Lorenzin approvato mercoledì dalla Camera, con il quale viene riportata sotto il tetto dei 35 punti anche la maggiorazione riconosciuta ai rurali per l'attività professionale, non corrisponde a quanto il Sunifar aveva sollecitato nei giorni precedenti per i propri associati. "Tuttavia, in un incontro organizzato nelle ore immediatamente successive – si legge nella missiva - il ministero della Salute ha preso con la Federazione l'impegno di continuare nella collaborazione avviata con il sindacato titolari per elaborare interventi a favore della ruralità".

Leggi tutto...

tiroideÈ disponibile in Italia, in regime di rimborsabilità, etelcalcetide, un nuovo farmaco per il trattamento dell'iperparatiroidismo secondario a malattia renale cronica. Si tratta di un agente calciomimetico di seconda generazione, il primo somministrato per via endovenosa. La nuova molecola è un peptide che agisce in modo diretto sul recettore del calcio, inibendo la secrezione e la produzione del paratormone da parte delle ghiandole paratiroidee. L'iperparatiroidismo secondario è una complicanza frequente della malattia renale cronica: si innesca con il progressivo declino della funzionalità degli 'organi filtro', che porta a un'alterazione del metabolismo di calcio, fosforo e vitamina D. Il conseguente sviluppo di ipocalcemia e iperfosfatemia causa un'eccessiva produzione di paratormone (Pth) che a sua volta apre la strada a pericolose calcificazioni metastatiche.

Leggi tutto...

Gioacchino Nicolosi vicepresidente Federfarma NazionalePartirà il prossimo mese di novembre la campagna di screening del tumore del colon-retto organizzata da Federfarma Catania e dall'Azienda sanitaria locale, che coinvolgerà le 298 farmacie di tutta la provincia. L'obiettivo del progetto è quello di raggiungere circa 300mila assistiti, di età compresa tra i 50 e i 70 anni. "Iniziative come questa - ha commentato Gioacchino Nicolosi, presidente di Federfarma Catania - rendono ancora più concreto e percettibile il ruolo della farmacia quale presidio della salute sul territorio e punto di primo accesso al Ssn. Grazie alla nostra rete i cittadini possono ritirare il kit velocemente, sotto casa e negli orari che preferiscono, perché le farmacie sono aperte 24 ore su 24".

Leggi tutto...

federfarma     utifar      fenagifar    federfarmaservizi    pon1


coofarma bn1

unisalento         avis