Pin It

lorenzin dubbiosaLe vicende relative all'accesso al farmaco per la cura delle epatite C sono ormai note anche al grande pubblico poiché sono state oggetto di numerose inchieste giornalistiche che ne hanno sottolineato paradossi e criticità. Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, intervenendo al convegno "Pazienti, clinici e istituzioni per un obiettivo comune: eliminare l'Hcv in Italia", organizzato presso il ministero della Salute.

"I prezzi dei farmaci contro l'Epatite C sono ancora per noi inaccettabili, ha dichiarato Lorenzin. È intollerabile che un Governo si faccia dettare l'agenda da chi non è a contatto con i pazienti quotidianamente. L'Agenzia del Farmaco - ha aggiunto - sta ancora trattando sui prezzi degli antivirali ma la trattativa non è ancora chiusa. I 500 milioni di euro strutturali previsti dalla Legge di Bilancio per i farmaci innovativi ci permetteranno di raggiungere l'obiettivo di curare almeno 50.000 pazienti di Epatite C ogni anno ed eradicare la malattia almeno per quanto riguarda la fase acuta, così da poter poi allargare le terapie anche a tutti gli altri infetti meno gravi per scongiurare il rischio di complicanze". "Continueremo quindi - ha concluso Lorenzin - in questa grande esperienza di reclutamento che ci rende unici in Europa e applicheremo lo stesso metodo per nuovi farmaci in arrivo per Alzheimer, che riguardano una platea altrettanto grande. Quanto fatto fino ad oggi, dimostra che le istituzioni sono vicine ai pazienti. Ma se abbiamo realizzato tutto questo è anche grazie alla collaborazione con le associazioni dei pazienti. Secondo le associazioni, però, bisogna accelerare i tempi. Infatti, Ivan Gardini, coordinatore di Alleanza contro le Epatiti, ha evidenziato: "Dalle nostre indagini risulta che nei primi mesi del 2017 i pazienti con epatite C gravi da curare presenti in numerosi centri autorizzati saranno quasi esauriti. È quindi indispensabile un intervento per ampliare anche ai pazienti non gravi l'accesso alle nuove terapie". ©Redazione Lorenzin: "Il costo dei Farmaci per la cura dell' epatite C è ancora troppo alto" Le vicende relative all'accesso al farmaco per la cura delle epatite C sono ormai note anche al grande pubblico poiché sono state oggetto di numerose inchieste giornalistiche che ne hanno sottolineato paradossi e criticità. Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, intervenendo al convegno "Pazienti, clinici e istituzioni per un obiettivo comune: eliminare l'Hcv in Italia", organizzato presso il ministero della Salute. "I prezzi dei farmaci contro l'Epatite C sono ancora per noi inaccettabili, ha dichiarato Lorenzin. È intollerabile che un Governo si faccia dettare l'agenda da chi non è a contatto con i pazienti quotidianamente. L'Agenzia del Farmaco - ha aggiunto - sta ancora trattando sui prezzi degli antivirali ma la trattativa non è ancora chiusa. I 500 milioni di euro strutturali previsti dalla Legge di Bilancio per i farmaci innovativi ci permetteranno di raggiungere l'obiettivo di curare almeno 50.000 pazienti di Epatite C ogni anno ed eradicare la malattia almeno per quanto riguarda la fase acuta, così da poter poi allargare le terapie anche a tutti gli altri infetti meno gravi per scongiurare il rischio di complicanze". "Continueremo quindi - ha concluso Lorenzin - in questa grande esperienza di reclutamento che ci rende unici in Europa e applicheremo lo stesso metodo per nuovi farmaci in arrivo per Alzheimer, che riguardano una platea altrettanto grande. Quanto fatto fino ad oggi, dimostra che le istituzioni sono vicine ai pazienti. Ma se abbiamo realizzato tutto questo è anche grazie alla collaborazione con le associazioni dei pazienti. Secondo le associazioni, però, bisogna accelerare i tempi. Infatti, Ivan Gardini, coordinatore di Alleanza contro le Epatiti, ha evidenziato: "Dalle nostre indagini risulta che nei primi mesi del 2017 i pazienti con epatite C gravi da curare presenti in numerosi centri autorizzati saranno quasi esauriti. È quindi indispensabile un intervento per ampliare anche ai pazienti non gravi l'accesso alle nuove terapie".

©Redazione 

federfarma     utifar      fenagifar    federfarmaservizi    pon1


coofarma bn1

unisalento         avis