Pin It

demenzaDal 7 novembre, in tutte le farmacie di Roma partirà la campagna di sensibilizzazione Virgilio, organizzata dall'Associazione Italiana Malattie Neurodegenerative. Durante l'iniziativa, che si protrarrà fino al 23 dicembre, all'interno delle Farmacie aderenti, i volontari di A.I.M.A.N. distribuiranno i coupon Virgilio.

Si tratta di un pieghevole contenente preziose informazioni mediche relative alle malattie neurodegenerative, associato a un cioccolatino con particolari proprietà nutrizionali che lo rendono un eccellente "integratore" per le Mente. Saranno installate, inoltre, le "Casette Virgilio", ovvero dei salvadanai dedicati alla raccolta delle offerte libere e dei resti solidali. Il ricavato della Campagna sarà destinato alla ricerca scientifica e alla realizzazione di un servizio innovativo per le persone e le famiglie che lottano contro la malattia. La Piattaforma Virgilio sarà dunque un punto di riferimento grazie al quale le persone saranno orientate nell'attivazione di tutti i servizi e le prestazioni necessarie alla gestione della patologia. Per Demenza s'intende un gruppo di malattie neurodegenerative dell'encefalo, tipiche dell'età avanzata, che comportano la riduzione graduale, e quasi sempre irreversibile, delle facoltà intellettive di una persona. Secondo una statistica statunitense del 2010, le persone al mondo che soffrono di demenza sarebbero circa 36 milioni: di tutti questi individui il 3% ha tra i 65 e i 74 anni, il 19% tra i 75 e gli 84 anni e più della metà ha dagli 85 anni in su. La maggior parte dei dementi mondiali è affetta da morbo di Alzheimer, il 25% da demenza vascolare, il 15% dalla demenza con corpi di Lewy e la percentuale restante dalle altre forme di demenza conosciute. In Italia, i malati di demenza sono tra l'1 e il 5% delle persone sopra i 65 anni d'età e il 30% degli individui ultraottantenni. Dato anche il continuo incremento della vita media, gli esperti prevedono che nel 2020 i soggetti al mondo con una forma di demenza saranno circa 48 milioni. Ad oggi, non esiste cura che possa interrompere o rallentare, in maniera significativa, il decorso della Malattia.  

©Redazione

federfarma     utifar      fenagifar    federfarmaservizi    pon1


coofarma bn1

unisalento         avis