Pin It

tribunale monzaFarmacisti, titolari e addetti di società di commercio, autotrasportatori, sono gli attori principali di una rete internazionale per il traffico di farmaci rubati finiti in manette nell'ambito dell'operazione "Pharmatraffic", condotta dai carabinieri dei Nas di Milano nell'aprile 2015.

Ieri è ripartito il processo al tribunale di Monza, durante l'udienza è stato ascoltato, come testimone, il magazziniere della 'Farmaceutica Valtellinese', il quale ha dichiarato: "non potevamo sapere che i farmaci venduti dai Rigamonti fossero di provenienza illecita. Io personalmente per ogni farmaco facevo un doppio controllo sulla banca dati dei farmacisti e sul bollettino della Federfarma e non è mai risultato niente". L'inchiesta aveva portato all'arresto a vario titolo di diciannove persone per associazione a delinquere finalizzata alla ricettazione, al riciclaggio e al commercio internazionale di medicinali rubati, nonchè commercio di medicinali "guasti". Nell'ambito dell'indagine, sono stati sequestrati beni per circa 23 milioni di euro e farmaci per un valore di tre milioni. L'attività investigativa del Nas di Milano, svolta tra il 2011 e il 2012, aveva accertato che gli autori avevano commesso numerosi furti di farmaci ospedalieri ad alto costo, destinati alla cura del cancro e di malattie rare, che venivano successivamente riciclati mediante false fatturazioni da parte di ditte inglesi, irlandesi, maltesi e svizzere, per essere poi reimmessi nel mercato europeo da alcune ditte di Monza, Milano, Caltanissetta, Crotone, Genova, Pavia, Napoli e Sondrio, che si occupavano di dare una veste legale, facendoli figurare come acquistati da società estere. Massimo e Mario Rigamonti, il primo farmacista, titolare a Monza di una società di commercio all'ingrosso di farmaci, la Equi- Farma, hanno deciso di patteggiare la pena rispettivamente a 3 anni e 8 mesi e a 3 anni, mentre a 4 anni ha patteggiato Giuseppe Aliberti, promotore della presunta organizzazione criminale. Il processo continua il 17 ottobre. 

federfarma     utifar      fenagifar    federfarmaservizi    pon1


coofarma bn1

unisalento         avis