Pin It

imshealthUn rapporto di IMS Health "The impact of Biosimilar Competition", realizzato su richiesta della Commissione Europea e appena pubblicato sul sito della Commissione Europea, ha illustrato gli effetti prodotti su prezzo, volume e share di mercato dall'arrivo dei farmaci biosimilari nell'Area Economica Europea.

Dall'analisi dei dati relativi al 2014, sono emersi alcuni punti essenziali: una competizione sostenibile può portare sia ad una diminuzione dei prezzi, che facilitare l'accesso ai farmaci biologici; l'aumento di accesso alle terapie è più evidente nei Paesi che avevano un basso utilizzo dei biologici; le aziende attive nel mercato dei biosimilari stanno aumentando di numero e con loro l'offerta dei prodotti; queste aziende continuano ad innovarsi per migliorare gli standard di cura; l'uso dei biosimilari infine, varia molto da un Paese all'altro, a seconda delle diverse aree terapeutiche.

In una nota rilasciata a margine della presentazione del rapporto, Assobiotec fa sapere che "ritiene fondamentale continuare a definire politiche che contemperino la competizione nel mercato dei farmaci biologici a brevetto scaduto con il rispetto della libertà prescrittiva dei medici ed il diritto dei pazienti alla continuità terapeutica, armonizzando attorno a tali principi la legislazione, la regolazione e i processi di acquisto, senza che debba intervenire in maniera suppletiva la giurisprudenza".

©Redazione

federfarma     utifar      fenagifar    federfarmaservizi    pon1


coofarma bn1

unisalento         avis